News

11/07/2018

A TU PER TU CON LA VERDURA DI STAGIONE: LA CAROTA

Luglio è un mese arancione. Dopo l’articolo sul melone di qualche giorno fa, Ente Mutuo vi presenta un ortaggio ben noto, di cui si ignorano però alcuni effetti benefici sulla salute e alcune curiosità: la carota. In primis, il loro colore: le carote sono arancioni solo dal XVIII secolo, quando gli olandesi, incrociando specie diverse (rosse, bianche e viola), ottennero la colorazione attuale. In secondo luogo, le carote sono all’origine del nome del beta carotene, il composto vegetale antiossidante che rallenta l’invecchiamento cellulare e che per la prima volta fu isolato dalla carota. Oltre ad essere d’aiuto nel mantenimento della salute delle cellule, questo ortaggio è anche un ottimo abbronzante, che ha addirittura un effetto fotoprotettivo sulla pelle. Si dice inoltre spesso che i conigli non portino gli occhiali perché ghiotti di carote e, sebbene possa sembrare una leggenda metropolitana, è tuttavia vero che le carote aiutano a mantenere gli occhi in salute, e ciò grazie all’alta concentrazione di vitamina A che rinforza la cornea. Va ricordato inoltre che oltre ad essere di supporto alla vista, le carote aiutano anche chi ha uno stomaco debole: esse rafforzano e impermeabilizzano infatti le pareti dello stomaco, proteggendolo da microorganismi nocivi.

Il metodo migliore per fare sì che le carote assorbano al meglio l’eccesso di acidità di chi soffre di gastriti, è mediante l’assunzione di centrifughe o di una porzione ben cotta di tale ortaggio, il quale è stato dimostrato essere di supporto anche nella rimarginazione delle ferite ulcerose. È tuttavia consigliabile non esagerare nel consumo di carote, limitandosi ad una quantità giornaliera non superiore ai 500 grammi. In caso di un’eccessiva assunzione dell’ortaggio, si incorrerebbe infatti nella carotenosi, ovvero una concentrazione atipica di beta carotene nell’organismo che provocha un colorito giallastro della pelle. In passato, si considerava inoltre che le carote dovessero essere evitate da chi soffre di diabete a causa della loro elevata concentrazione di zuccheri, ma studi recenti hanno ribaltato questa teoria, reinserendo le carote tra i cibi ad indice glicemico medio-basso. Paiono, in sostanza, essere pressoché prive di controindicazioni e, anzi, un delizioso e salutare snack estivo.