News

12/09/2018

INCONTRI RAVVICINATI CON LE MEDUSE

Negli utili anni gli avvistamenti di meduse nel mar Mediterraneo sono aumentati di circa 10 volte e alcune di queste, provenienti dai Caraibi, possono rivelarsi particolarmente pericolose anche per gli esseri umani. Le cause delle migrazioni delle meduse sono da ricercarsi, per esempio, nell’innalzamento delle temperature globali, nell’aumento della ricchezza di nutrimento nell’acqua di alcune zone, nella costruzione di dighe e porti da cui vengono attratte. Alcune specie di meduse, quali la Caravella portoghese e la Medusa nomade, recentemente avvistate in Sicilia, Sardegna e Calabria, possono risultare particolarmente dannose per l’uomo ed è importante sapere come comportarsi nel caso in cui si entrasse a contatto con i tentacoli della creatura marina. Le meduse non attaccano l’uomo, ma si difendono rilasciando del veleno attraverso le cnidocisti, quando vengono a contatto con esso. Nel caso in cui ci si ritrovasse a fare i conti con il veleno urticante di una medusa, è fondamentale mantenere la calma, e bagnare la ferita con dell’acqua di mare per diluire la tossina non ancora penetrata nella pelle. Sebbene l’aceto non sia particolarmente efficace nel trattare le punture delle meduse presenti lungo le coste mediterranee, è tuttavia ottimo nella prevenzione dei danni provocati dal contatto con i tentacoli della Caravella portoghese - piuttosto rara in Italia ma comunque presente. Ancora, è consigliabile rimuovere con una pinzetta gli eventuali tentacoli o parti di medusa rimaste sulla pelle, mantenendo la zona urticata al caldo e utilizzando, se disponibile, uno spray lenitivo all’acqua di mare o un astringente naturale. Spremere la zona toccata dalla medusa, trattarla con la sabbia o grattarla per rimuovere lo strato superficiale dell’epidermide è assolutamente inutile, nonché dannoso. Attraverso i comportamenti elencati o mediante l’applicazione di ghiaccio, la zona urticante potrebbe addirittura espandersi o essere colpita da una maggior concentrazione di veleno. Ciò detto, Ente Mutuo augura a tutti di trascorrere piacevolmente queste ultime giornate estive, godendovi mare e sole in sicurezza.